I controlli da fare alle piante protette

Benché non sia ancora giunto il momento di liberare le piante sensibili dai teli che le proteggono, adesso si rende necessario un controllo del loro stato di salute, per non rischiare di trovarle sofferenti all’arrivo della bella stagione.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/02/2015 Aggiornato il 28/02/2015
I controlli da fare alle piante protette

Alla fine dello scorso anno abbiamo protetto le piante sensibili del balcone con teli di tessuto non tessuto, plastica, carta di giornali, oppure spostandole nelle serre. Adesso che le giornate si sono allungate è opportuno controllare lo stato delle piante per non rischiare di trovarle sofferenti. Ecco che cosa fare.

Sollevare i teli

Le protezioni vanno sollevate di tanto in tanto per fare in modo che l’aria circoli all’interno della chioma così da consentire una buona traspirazione alla pianta e scongiurare l’attacco di eventuali malattie fungine. Il pericolo non è costituito tanto dall’umidità invernale quanto dalla condensa che si può formare sotto il telo protettivo, che colando bagnerebbe foglie e terra. Un mancato ricircolo dell’aria può essere un grave problema anche nel caso in cui le piante siano esposte all’irraggiamento diretto del sole durante il giorno e subiscano grandi sbalzi di temperatura a causa dell’“effetto serra”.

Assicurare le coperture

Ci si deve quindi assicurare che le coperture, soprattutto quelle plastiche, siano ancora sollevate dai tutori posizionati nel vaso a protezione della chioma. L’esposizione prolungata alle intemperie potrebbe aver spostato i tutori: se il fogliame è andato a diretto contatto con la superficie protettiva fredda e impermeabile potrebbe essersi danneggiato.

Pulizia

Le piante non vanno assolutamente potate ma è importante rimuovere i rami secchi, quelli storti e quelli che presentassero malattie. Bisogna fare attenzione a ossigenare di tanto in tanto la terra nel vaso con un sarchietto per allontanare eventuali insetti in cerca di riparo e tenere il terreno asciutto. Si deve inoltre avere cura di svuotare i sottovasi da eventuale condensa, acqua piovana o neve che, ristagnando nei recipienti di notte, potrebbe gelare compromettendo l’apparato radicale.

I parassiti

La presenza di eventuali parassiti è l’ultimo importante passo da non dimenticare: umidità e condensa favoriscono le patologie fungine e il sopraggiungere della cocciniglia; gli afidi vanno invece cercati in prossimità dei butti teneri di cui sono voraci. Ai primi segni di queste malattie, isolare le piante e intervenire con prodotti specifici.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!