Fiorisce l’aster rampicante, Ampelaster carolinianus

Definito anche “settembrino tardivo”, Ampelaster carolinianus fiorisce tra novembre e dicembre con piccole corolle dai petali ligulati in colore rosa, bianco o blu, con fusti rampicanti che raggiungono anche un metro di lunghezza. Resiste a tutto, teme solo l’eccessiva umidità.
Anna Zorloni
A cura di Anna Zorloni
Pubblicato il 02/11/2021 Aggiornato il 02/11/2021
ampelaster

Chiamato anche “climbing aster”, aster rampicante, originario degli Stati Uniti, Ampelaster carolinianus è un genere a sé, appartenente alla vasta famiglia delle Asteraceae o Compositae. Non è ancora molto diffuso nel nostro paese, ma è degno di nota per la sua bellezza. Si tratta di una specie erbacea e perenne, adatta alla coltivazione in vaso, caratterizzata da portamento rampicante. I suoi steli, infatti, crescono e si allungano oltre un metro, richiedendo un appoggio al quale sostenersi: una griglia, per esempio, o dei tutori rigidi inseriti nel vaso; alle volte si arrampica e cresce su altre piante o su cancellate.  Ampelaster carolinianus regala una splendida fioritura tardiva, in ottobre/novembre, andando a creare una cascata di fiori colorati sul terrazzo autunnale, molto simili a quelli dei più conosciuti “settembrini: hanno infatti la forma tipica delle margherite composte da numerosi petali di colore rosa-violaceo, a contornare un disco centrale giallo ambrato.

In un grosso vaso con graticcio

Questa pianta ha bisogno di poche cure e può essere acquistata ora e coltivata con successo sul terrazzo in una posizione soleggiata, anche parzialmente, e riparata dal vento. La scelta migliore è quella di coltivarla dentro un grosso vaso dotato di graticcio, sul quale si può arrampicare liberamente, al pari di una clematide.

Nella preparazione del contenitore è essenziale assicurarle un buon drenaggio: sul fondo del vaso porre uno strato di materiale drenante costituito da argilla espansa o ghiaino, così da permettere lo scolo dell’acqua eventualmente in eccesso attraverso i fori basali.

Il terriccio, di tipo universale a medio impasto, deve essere dotato di una buona fertilità: alla messa a dimora, è consigliabile miscelare un po’ di concime a lenta cessione, in granuli,  che rilascerà gradualmente gli elementi nutritivi.

In periodo autunnale le bagnature devono essere moderate e regolate in base all’andamento climatico. Prima di bagnare, è sempre bene verificare le condizioni del terriccio e intervenire solo quando questo si è asciugato completamente.

A fioritura conclusa sarà utile asportare i fiori appassiti e una breve porzione di stelo, per mantenere la pianta più pulita e ordinata, in attesa di eseguire la potatura più decisa a fine inverno. Ampelaster carolinianus perderà allora anche le foglie, rimanendo nudo per tutto l’inverno e andrà in riposo vegetativo (quindi non avrà bisogno di essere bagnata per tutto l’inverno).

A fine inverno, prima del germogliamento, sarà necessario potare per ripulire la pianta dalle parti secche e rovinate e per rinforzarla in previsione della nuova stagione vegetativa. Con una forbice accorciare gli steli di almeno un terzo della loro lunghezza, per mantenere la forma compatta.

L’eccesso idrico è dannoso

Ristagni di umidità nel terreno sono molto dannosi per questa pianta, poiché provocano lo sviluppo di malattie fungine e marciumi a livello radicale e del colletto, cioè della parte più bassa del fusto, a contatto con il terreno. Lo sviluppo di malattie fungine, come la botrite (o “muffa grigia”) e l’oidio (detto anche “mal bianco”), frequenti su queste piante, è in grado di determinare condizioni di deperimento e deve essere prevenuto gestendo nella maniera corretta gli apporti idrici. Per evitare queste malattie è bene anche non lasciare residui vegetali (foglie cadute o fiori secchi) a contatto con la terra, ma asportarli man mano che si accumulano.

Il concime in estate  

Durante la stagione estiva, in previsione della fioritura, è bene rinforzare l’astro rampicante somministrando un concime specifico per piante fiorite, in formato liquido, da diluire in acqua alle dosi consigliate in etichetta. La pianta verrà stimolata a differenziare gemme a fiore, che si apriranno in autunno inoltrato. Dall’autunno, invece, quando la fioritura sarà in corso e le foglie inizieranno ad assumere una tonalità bronzea, si dovranno interrompere le concimazioni.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!