Cure alle piante aromatiche in vaso

Tutte le piante aromatiche coltivate in vaso durante i mesi estivi devono essere annaffiate costantemente e collocate nella giusta esposizione di sole o di mezz’ombra. Tra le piante più coltivate: il basilico, il rosmarino, il timo, la salvia e l’erba cipollina. Vediamo quali cure richiedono queste piante. 
Giovanna Rio
A cura di Giovanna Rio
Pubblicato il 07/07/2020 Aggiornato il 08/07/2020
Cure alle piante aromatiche in vaso

Molte piante aromatiche annuali e perenni si sviluppano facilmente in vaso e possono essere coltivate con successo in terrazzi e balconi anche di piccole dimensioni. D’estate però il basilico, il rosmarino, il timo e la salvia, tutte appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae, e l’erba cipollina hanno bisogno di cure specifiche. Vediamo quali. 

Basilico

Ocimum basilicum è un’erbacea annuale, ovvero con l’arrivo dell’inverno la pianta muore. È una pianta tipicamente primaverile estiva che si coltiva facilmente in vaso sul terrazzo e che, in questo periodo dell’anno, è in pieno sviluppo vegetativo. La posizione migliore è al sole ma ombreggiata nelle ore centrali più calde della giornata. Garantire annaffiature frequenti perché non ama la siccità ma è importante non esagerare con i quantitativi di acqua (meglio bagnare poco e spesso). 
Eseguire la cimatura dei fiori serve a stimolare la produzione di foglie e mantenere una vegetazione tenera e aromatica.
raccolta delle foglie di basilicoPer raccogliere correttamente le foglie asportare quelle apicali con una leggera pressione tra il pollice e l’indice. Questa tecnica semplice ma efficace, si basa sul principio che una pianta, a cui viene tolto l’apice vegetativo, dirotterà tutta la sua energia sulle gemme che si trovano più in basso, spesso all’ascella delle foglie, formando nuovi rami laterali. Questa operazione impedirà anche che la pianta si allunghi troppo in altezza, favorendo uno sviluppo più orizzontale. 

Rosmarino

Rosmarinus officinalis è una pianta perenne sempreverde in grado di vegetare più anni. È resistente e di facile coltivazione ma deve sempre essere collocata in pieno sole. La pianta teme l’eccesso di acqua e il ristagno idrico. In questo periodo occorre annaffiare una volta alla settimana aspettando che il terreno sia completamente asciutto prima di bagnare nuovamente, e senza esagerare con la quantità d’acqua; è inoltre fondamentale non lasciare acqua nel sottovaso anche se l’estate è molto calda.
Nel caso di acquisto di una nuova pianta rinvasare in un contenitore di terracotta e sul fondo, prima di inserire il terriccio, stendere argilla espansa che permette al terreno di drenare facilmente l’acqua in eccesso. 
raccolta delle cime del rosmarino con la forbiceRaccogliere i rametti per l’utilizzo in cucina tagliando quelli apicali ed erbacei. Le foglie si possono raccogliere tutto l’anno, anche durante la fioritura (i fiori sono eduli). D’inverno il vasetto può restare all’aperto oppure ritirato in casa (meglio al fresco). 

Timo

Thymus è una pianta aromatica perenne sempreverde che, per crescere e svilupparsi al meglio, deve essere collocato al sole. Annaffiare solo quando il terriccio è completamente asciutto e non lasciare acqua nel sottovaso anche se l’estate è molto calda. In caso di acquisto rinvasare la pianta in un vaso di buone dimensioni, con minimo 30 cm di diametro e media profondità.
Al momento dell’utilizzo prelevare le foglioline tagliando i rametti interi con una cesoia ben affilata. La cosa migliore è sempre raccogliere al momento dell’utilizzo in modo da preservare aroma e qualità nutritive e salutari della pianta.

Salvia

Salvia officinalis è una perenne sempreverde rustica e molto semplice da coltivare. In questo periodo dell’anno è in pieno sviluppo vegetativo ed è necessario mantenerla in pieno sole; la pianta per sviluppare al meglio deve essere annaffiata aspettando che il terriccio si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra; la pianta soffre più i ristagni d’acqua che periodi di siccità; per questo motivo è bene limitare la quantità d’acqua. 
Come per il basilico per prelevare le foglie cimando la pianta manualmente attraverso una leggera pressione tra il pollice e l’indice. Durante l’inverno si conserva in una piccola serretta mobile oppure coprendola con un telo di TNT. 

Erba cipollina

Allium schoenoprasum è una pianta aromatica perenne della famiglia delle Liliaceae che forma steli che arrivano a circa 25 cm di altezza. La radice è un bulbo, mentre le foglie sono lunghe e sottili, di forma tubolare e sono la parte più evidente del cespuglio. Le foglie seccano durante l’inverno ma tornano a spuntare in primavera dalle radici che si conservano durante il riposo vegetativo.
La pianta può essere collocata sia in pieno sole che a mezz’ombra (sole alla mattina ombra al pomeriggio). In questo periodo dell’anno richiede costanti annaffiature che mantengano umido il terriccio. 
raccolta dell'erba cipollina con la forbiceRaccogliere le foglie recidendole alla base ma non esagerare per non indebolire il cespuglio. Se si possiede una sola pianta non tagliare tutte le foglie insieme ma agire solo su una parte per avere un raccolto duraturo nel tempo. Utilizzare un paio di forbici ben affilate. Anche i fiori dell’erba cipollina sono commestibili ma non hanno lo stesso gusto dello stelo. Vengono solitamente usati per guarnire insalate o zuppe. Ma esistono anche moltissime varietà ornamentali, coltivate per il vistoso fiore blu. 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!