Agrumi in vaso: le cure di stagione

Per ottenere frutti sani e gustosi anche sul balcone, le piante coltivate in vaso devono essere riparate dal freddo, bagnate e nutrite in modo adeguato.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 14/10/2013 Aggiornato il 14/10/2013
limone sull'albero

In questo periodo dell’anno gli agrumi necessitano di tutte le nostre attenzioni e, nelle zone più fredde del Paese, occorre predisporre le prime protezioni. È necessario eseguire con scrupolo annaffiature, concimazioni e potature dei succhioni, operazioni che hanno l’obiettivo di preparare gli agrumi, coltivati in vaso, a trascorrere senza problemi i mesi invernali.

Annaffiature

È importante non fare mancare acqua alle piante, soprattutto se il mese di settembre è stato caldo e siccitoso. A ottobre, con l’abbassarsi delle temperature e l’accorciarsi delle giornate, annaffiare con moderazione, facendo attenzione a mantenere leggermente umido il terriccio del vaso. Verificare, dopo l’annaffiatura, che l’acqua in eccesso non rimanga nel sottovaso per evitare danni per asfissia all’apparato radicale.

Concimazioni

Le frequenti irrigazioni estive hanno impoverito il terriccio degli elementi necessari alle piante. In questo periodo somministrare azoto, fosforo, potassio e microelementi attraverso concimi a lenta cessione. Se sulle foglie si notano schiarimenti delle nervature, le piante potrebbero avere necessità di ferro che deve essere somministrato attraverso “ferro chelato”, facilmente assimilabile dalle piante. Somministrare al momento dell’annaffiatura seguendo le dosi sulle confezioni.

Togliere i succhioni

I “succhioni” sono i rami lunghi e vigorosi che non producono fiori e frutti e che si formano alla base delle piante. L’eventuale potatura degli agrumi deve essere eseguita preferibilmente in estate. Le piante dal mese di febbraio – marzo, infatti, sono in piena fioritura.

Protezione dai primi freddi

Da metà ottobre nelle regioni del nord Italia dove le temperature notturne si abbassano di alcuni gradi, è opportuno riparare gli agrumi in vaso in locali luminosi, non riscaldati. Nelle regioni del centro – sud, se in genere l’inverno non registra forti abbassamenti di temperatura, riparare le piante posizionandole sotto una tettoia o una veranda esposte a sud. Se invece, solitamente si verificano abbassamenti importanti di temperatura, proteggere anche la chioma con un telo di tessuto non tessuto e riparare tronco e vaso con cannicciato o alcuni giornali.

Un esempio: coltivare il limone in vaso

Il limone (Citrus x limon) appartiene al genere Citrus della famiglia delle Rutaceae. La coltivazione in vaso incomincia con la messa a dimora in questo periodo dell’anno.

Messa a dimora del limone

Scegliere contenitori in terracotta larghi e profondi circa 50 centimetri. Dopo aver collocato sul fondo uno strato di argilla espansa o ghiaia per favorire il drenaggio, collocare la pianta e riempire il vaso con terriccio specifico per agrumi. Esporre il contenitore in una zona arieggiata dove riceva il sole per almeno 5 ore al giorno durante la primavera ed estate. Annaffiare in modo che il terriccio non si asciughi mai completamente. In estate operare tutti i giorni, mentre in inverno una volta ogni due settimane. È importante che l’acqua non ristagni nel sottovaso.

Gli anni successivi

Le piante vanno rinvasate ogni due anni, quelle grandi ogni tre. Questa operazione è necessaria per assicurare alle radici nuova terra e per permettere alla pianta di svilupparsi. Al momento del rinvaso, è importante ricordare di mettere sul foro del contenitore alcuni cocci e uno strato di qualche centimetro di materiale drenante come l’argilla espansa che è molto leggera.

In inverno e in primavera

Durante l’inverno il limone può rimanere all’esterno se è coltivato in zone dove il clima non è rigido (sud Italia e nella zona del lago di Garda). Se le temperature dovessero scendere sotto lo zero, spostare i vasi in un luogo molto luminoso, riparato, dove si rimanga sempre di qualche grado sopra lo zero. All’inizio della primavera è bene procedere alla concimazione: spargere uno strato di qualche centimetro di stallatico che deve essere leggermente interrato con una zappetta.

Altri agrumi

Nelle regioni più temperate, oltre al limone è possibile coltivare con successo all’esterno in contenitore altre specie di agrumi: il kumquat o mandarino cinese (Fortunella margarita), la limetta (Citrus limetta), il chinotto (Citrus myrtifolia) e il calamondino (Citrus madurensis).

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!