Cardellino, le cure adeguate per allevarlo

Il cardellino è un piccolo uccello dai colori vivaci e dal canto melodioso: ammirarlo e ascoltarlo dona allegria e serenità. Gli esemplari d’allevamento possono essere tenuti in casa, ma occorrono condizioni adeguate che non ne limitino la libertà e il benessere.
Roberta Marino
A cura di Roberta Marino
Pubblicato il 17/01/2022 Aggiornato il 17/01/2022
cardellino

Il nome scientifico è Carduelis carduelis, il cardellino, un piccolo uccello che si riconosce per il piumaggio vivace e colorato e il canto festoso. Appartiene alla famiglia dei Fringillidi e il suo nome è legato alla pianta del cardo mariano, dei cui semi è particolarmente ghiotto. Presenta una caratteristica mascherina rossa sul volto, più evidente nel maschio e più limitata nella femmina. La nuca e le ali sono di colore nero e le ali con una peculiare striscia gialla. Il resto del piumaggio vira dal bianco delle guance al marrone del dorso.  Altro elemento caratteristico è il suo canto, che si identifica più come un trillo, allegro e ammaliante, impossibile da ignorare quando si passeggia nei boschi in cui canta: proprio questa caratteristica l’ha reso gradito anche come animale da compagnia. È bene sapere, tuttavia, che la legge italiana vieta severamente la cattura e il commercio dei cardellini selvatici, proprio a causa dei traffici illegali che nel tempo sono diventati sempre più diffusi. Solo gli esemplari d’allevamento nati in cattività (identificabili grazie all’anellino alla zampa) e comunque provvisti di documenti attestanti la provenienza, possono essere tenuti in casa, per non rischiare di diventare complici di un commercio lucroso. Chi acquista un cardellino deve sapere che, come ogni uccellino, ha bisogno di spazio, di volare e di libertà. E che, essendo sempre vissuto in cattività, avrà bisogno di cure e di condizioni di vita ottime, per evitare di mettere in pericolo la sua salute e il suo benessere. Conoscere le caratteristiche di questo animale, consentirà inoltre di apprezzare ancor di più i cardellini che si possono scorgere nei boschi e nei parchi, il loro ambiente naturale.

Un uccellino speciale 

Il cardellino, in natura, è una specie presente in buona parte dell’Europa continentale. Il Carduelis carduelis ‘Schusii’ è la sottospecie che popola Sardegna, Sicilia e Corsica. Esistono poi diverse varietà, oltre a quello comune, che si differenziano per il colore: il Bruno, l’Agata, l’Isabella, il Pastello, il Satiné, il Giallo, il Favato,il Witkop, l’Opale e l’Albino (completamente bianco).

Da sempre amato e venerato, ha svolto un ruolo simbolico nella cultura europea: di lui si narra nella mitologia greca, mentre secondo il cristianesimo è simbolo dell’anima che vola via con la morte del corpo fisico arrivando a legare la macchia rossa presente sul suo viso alla vicinanza a Cristo. Non a caso molti celebri artisti lo hanno immortalato nelle loro opere: tra tutte, la più famosa è la tavola della “Madonna del cardellino” di Raffaello Sanzio, al Museo degli Uffizi. È la dimostrazione che si tratta un uccellino davvero particolare: è importante dedicargli cure, attenzioni e dedizione. 

Vuole una gabbia spaziosa

Quasi superfluo dire che il cardellino ha bisogno di svolazzare e muoversi il più possibile, anche se vive in cattività. Per gli esemplari nati in casa o in allevamento, che non hanno la possibilità di sopravvivere all’aperto, si può cercare di ricreare uno spazio il più possibile affine alla sua natura: la gabbia deve avere un’altezza di almeno 120 cm o, al limite, 90 cm se si tratta di uccellini molto tranquilli. Ancor meglio sarebbe una voliera sviluppata in altezza, in modo da permettere
al cardellino di avere il maggior spazio possibile. All’interno dovranno essere collocati dei posatoi (meglio in legno
e non in plastica) su cui il cardellino possa posarsi tra un volo e l’altro.

Se si opta, come sarebbe più opportuno, per una voliera e il clima lo consente, la posizione migliore sarebbe all’esterno, in un luogo con luce naturale che garantisca qualche ora di sole, senza eccessi e sempre con zone ombreggiate. Occorre però evitare aree soggette a sbalzi di temperatura o intemperie. Infatti, per quanto i cardellini sopportino abbastanza bene le basse temperature, l’umidità eccessiva (superiore al 70%) e le correnti d’aria possono farlo ammalare.

Se si posiziona in casa, la gabbia deve essere collocata lontano da correnti d’aria e dal vapore, molto pericolosi, e dal sole diretto. Va scelto un luogo arieggiato ma comunque protetto, evitando cucina e bagno. Quando le porte e le finestre della stanza sono chiuse, si potrà lasciare aperto lo sportellino della gabbia e abituare il cardellino a uscire e rientrare, per concedergli qualche momento in più di libertà, in piena sicurezza. 

La corretta alimentazione 

Seppure robusti e vivaci, questi uccellini hanno un lato debole che deve essere curato: il nutrimento, da variare a seconda dell’età e delle condizioni ambientali. Si tratta di animali granivori con un apparato digerente delicato, che in natura si nutrono prevalentemente di semi: ghiotti di semi di cardo (da cui deriva il nome) gradiscono anche quelli di papavero, avena, canapa, colza, lattuga, lino, sesamo, acetosa, tarassaco e molti altri. In particolare, i semi oleosi (come lino, niger e girasole) andrebbero aggiunti al pasto nella stagione più fredda, mentre durante la muta il cardellino può richiedere un apporto supplementare di vitamine e proteine, che potrà trovare in germe di grano, soia e lievito. Nella dieta di questi uccellini, poi, non dovrebbero mancare anche frutta e verdura sempre fresche e rinnovate nel corso della giornata, evitando che il cardellino le consumi se in stato di decomposizione.

L’alimentazione dovrà essere quanto più possibile simile a quella presente in natura: meglio non somministrare, quindi, un eccesso di pastoncini artificiali. Da evitare anche i semi cotti, impoveriti dei principi nutrizionali, e prediligere i semi germinati, ricchi di vitamine e molto appetibili.

In fase di preparazione alle cove e durante tutto il periodo della riproduzione è meglio optare per un composto naturale fatto in casa con latte, uova, pangrattato, con aggiunta di semi germinati e piselli, che contiene tutte le proteine e gli aminoacidi essenziali per questa fase delicata.

 

Regole di buona salute 

Oltre allo spazio adeguato e all’alimentazione, il benessere del cardellino passa attraverso la cura e l’igiene del suo alloggio. Proprio l’attenzione a questi aspetti potrà evitare malattie e disagi in una condizione che non è, comunque, quella per lui naturale e ideale. Ecco alcuni punti chiave:

garantire sempre il ricambio di aria evitando correnti e sbalzi se vive in casa

rinnovare l’acqua tutti i giorni e più volte al giorno nella stagione calda lavando con cura il beverino per evitare residui di cibo o microrganismi patogeni

sostituire il pastoncino dopo tre ore quando le temperature sono elevate

pulire bene posatoi e fondo della gabbia dagli escrementi con frequenza
e in modo approfondito almeno una volta la settimana

pulire ogni giorno la ciotola del cibo

farsi consigliare dal veterinario un antiparassitario da somministrargli, tenendo conto dell’età, della dimensione e della sua condizione fisica

prestare attenzione ai contatti con altri uccelli selvatici, se il cardellino vive all’aperto.

La muta, un momento delicato 

In tutti gli uccellini (e quindi anche nel cardellino) la muta, anche quella parziale solo delle piume nei novelli, rappresenta un momento impegnativo e delicato. Se sta facendo la muta, il cardellino andrebbe tenuto sotto controllo, eventualmente isolato dagli altri per evitare un sovraffollamento stressante e al riparo da sbalzi di temperatura e umidità. Da un punto di vista alimentare sarà buona norma integrare un paio di volte alla settimana la dieta con alimenti ad alto contenuto proteico e vitaminico (soprattutto gruppo B), come cicoria o carote, evitando eccessi di semi di girasole e niger. Talvolta possono essere necessari anche integratori specifici. In questo periodo un toccasana saranno i “bagni di sole”.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.45 / 5, basato su 11 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!