Un’idea che nasce in Giappone

I bidet-wc nascono in Giappone, in seno a una millenaria cultura dell’igiene personale. Grazie all’evoluzione tecnologica, questi dispositivi si sono evoluti fino ad integrare funzioni accessorie, che vanno dalla temperatura del sedile all’assorbimento odori.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/04/2016 Aggiornato il 19/04/2016
Un’idea che nasce in Giappone

Secondo la rivista “Asia Spiegel”, dal 1980 ad oggi, sono stati venduti circa 30 milioni di bidet-wc solo in Giappone, di cui 10 negli ultimi cinque anni. ”Del resto… non ci si lava le mani con la carta!” è stato il messaggio portante della campagna pubblicitaria che ha convinto quasi un quarto della popolazione giapponese ad adottare questo tipo di dispositivo. Entro il 2016 si stima che il bidet-wc sarà utilizzato dal 72% delle famiglie Giapponesi, mentre in Europa questa innovazione sta gradualmente conquistando l’attenzione degli utenti, specie dopo che hanno potuto sperimentarne la comodità. Chiunque abbia potuto visitare il Giappone ha fatto esperienza di bidet-wc ‘spaziali’, piccoli capolavori tecnologici, figli di esigenze e convinzioni tipiche di quella cultura.

Benessere e salute

L’ultima frontiera della ricerca a questo proposito è rappresentata dallo sviluppo di una “toilette intelligente” che in pratica consente un check-up quotidiano e permette di tenere sotto controllo i dati salienti sulle funzionalità renali, evidenziando eventuali tracce di proteine, nitriti o bilirubina e aiutando così a prevenire tempestivamente problemi di salute. Sperimentati all’interno di cliniche, questi speciali dispositivi sono collegati a una centralina informatica che elabora e registra i dati relativi alla salute dell’utente per un periodo prolungato. Se i valori registrati rappresentano un motivo di preoccupazione, alcuni modelli sono anche in grado di inviare autonomamente una segnalazione al personale medico. In un futuro non troppo lontano dovremo dunque rivedere la nostra idea di wc, più che in termini di forma o design, forse in virtù delle sue mille nuove funzioni possibili, non tutte in quest’ottica puramente accessorie o lontane dalla nostra cultura.

Geberit AquaClean Sela

Il bidet-wc Geberit AquaClean Sela, disegnato da Matteo Thun, è un vaso in ceramica con sofisticate funzioni di igiene intima: una soluzione destinata a rivoluzionare non solo la progettazione dell’ambiente bagno – riducendo gli ingombri dell’area funzionale – ma la stessa gestualità nell’utilizzo del bidet. Unendo in un solo sanitario due funzioni, si ottimizzano gli spazi garantendo una maggiore flessibilità in termini di progettazione, sia nella nuova edilizia, sia nel settore della ristrutturazione.

Elegante ed essenziale, Geberit AquaClean Sela è dotato di un dispositivo che – azionato dall’utente tramite un telecomando – fuoriesce dal bordo della seduta completamente igienizzato. La doccetta intima permette di variare potenza e posizione del getto così da personalizzare al massimo l’utilizzo. 

Il sedile e il coperchio sono realizzati in termoindurente resistente e presentano un meccanismo di chiusura e apertura automatiche per un movimento silenzioso e possono essere smontati per la pulizia. Inoltre un sensore impedisce la funzione bidet quando il vaso non è utilizzato. Infine l’alimentazione elettrica è integrata nell’elemento in ceramica così da aumentare la sicurezza, mentre i consumi sono minimi anche nella modalità standby.

Conforme ai requisiti di progettazione eco-compatibile europei, Geberit AquaClean Sela riunisce dunque in un solo prodotto moderni standard d’igiene, design e sostenibilità.

Clicca sulle immagini di AquaClean per vederle full screen

  • Particolare dell'astina Geberit AquaClean Sela
  • Dettaglio comandi laterali di Geberit AquaClean Sela
  • Geberit AquaClean Sela
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!