Piastrelle a specchio, l’ultima tendenza per i rivestimenti murali

Tra le tendenze, in bagno e non solo, le piastrelle a specchio danno luce e carattere alle superfici e agli ambienti.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 25/03/2021 Aggiornato il 12/04/2021
artelinea gemme piastrelle a specchio

Le piastrelle a specchio sono una delle ultime tendenze per i rivestimenti sia in bagno sia nelle altre stanze della casa. Ispirate vagamente alle atmosfere degli anni Settanta, sono frutto di tecniche produttive all’avanguardia, in grado di accoppiare ceramica e vetro specchiante in pochi millimetri di spessore. La prima fa da supporto, il secondo – declinato anche in versione colorata o fumé – porta luce e carattere alle superfici. E le geometrie elementari dei singoli pezzi ne permettono l’inserimento anche nelle composizioni di piastrelle tradizionali, per creare campiture funzionali o espressive.

Ma come sfruttarle al meglio? Ecco qualche suggerimento.

artelinea gemme piastrelle a specchio esagono

La collezione Gemme (design Bizzarridesign) di Artelinea mescola la praticità del rivestimento ceramico con la lucentezza dello specchio per ottenere un risultato inaspettato adatto sia al bagno sia ad altri ambienti della casa. Ogni elemento è ottenuto dall’accoppiamento stratificato di specchio e ceramica, incollati tra loro in sottovuoto a temperatura adatta per diventare un corpo unico (dello spessore di 11 mm) resistente all’umidità e agli agenti chimici. Adatti per essere fissati direttamente a parete, rettangoli, esagoni, losanghe sono declinati oltre che con finitura a specchio tradizionale anche in fumé grigio e fumé bronzo. Le composizioni possibili sono molteplici e grazie a un apposito profilo di alluminio – spazzolato bronzo o spazzolato peltro – la chiusura delle superfici rivestite si impreziosisce. Dimensioni rettangolo L 50 x H 22 cm, esagono L 52 x H 45 cm, losanga L 36 x H 60 cm. Prezzo al mq a partire da 205 euro. www.artelinea.it

Piastrelle a specchio in bagno, scelta naturale

Perfette per le superfici delle stanze da bagno, le piastrelle a specchio funzionano ottimamente al posto dei tradizionali complementi per guardarsi riflessi, appesi sopra al lavabo: posate a filo rivestimento ceramico, senza soluzione di continuità, servono al loro scopo in modo semplice e inaspettato, senza richiedere ulteriori aggiunte di cornici o di profili. Allo stesso modo possono funzionare per dare luce a bagni poco luminosi o per allargare le prospettive ottiche di ambienti di piccole dimensioni.

artelinea gemme piastrelle a specchio losanga

Nel resto della casa, sostituti funzionali

In altri ambienti della casa – come la camera da letto, la cabina armadio, ma anche l’ingresso o la stanza dei bambinile piastrelle riflettenti possono dare luce e carattere ad angoli spenti, oltre che trasformarsi in utili sostituti degli specchi per arredare le pareti. Libere dal vincolo di un rivestimento ceramico, pertanto da scegliere anche in formati e dimensioni inusuali, si posizionano liberamente sulle superfici a seconda delle esigenze: ad altezza naso per controllare trucco e cappello, in fasce verticali per dare uno sguardo all’outfit…

Superfici ad effetto

La semplicità di posa in opera, con apposito collante, lascia piena libertà compositiva, senza vincoli di spessore o di ingombri rilevanti. In tal modo è possibile optare con discrezione anche per superfici che facciano da fondale a complementi o ad arredi da rendere protagonisti. O ad apparecchi luminosi a terra o da tavolo, di cui moltiplicare l’effetto quando accesi.  

artelinea gemme piastrelle a specchio rettangolo

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3.5 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!