Come arredare il bagno con il legno

Alma Dainesi
A cura di Alma Dainesi
Pubblicato il 30/09/2018 Aggiornato il 04/10/2018

Il legno in bagno: dà calore all'ambiente, si abbina a tutti i materiali ed è di tendenza. Alcune novità del Cersaie di Bologna.

Come arredare il bagno con il legno

Il legno vero e proprio o i materiali che ne imitano l’effetto sono un vero must anche per l’ambiente bagno, come dimostrano le ultime novità viste al Cersaie 2018, il Salone Internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno di Bologna.

Le possibilità sono davvero tante: si può usare il parquet in legno per il pavimento del bagno, puntando su un’essenza a prova di umidità come il teak oppure un rovere passepartout opportunamente trattato. Il teak infatti, a fronte di una resa davvero ottima (non per niente viene utilizzato anche per le barche e e per l’arredoesterno) ha costi piuttosto elevati.

In alternativa si può pensare anche di realizzare il pavimento del bagno usando piastrelle in gres effetto legno. Ne esistono a imitazione di tutte le essenze, con una resa estetica eccellente, sia per quanto riguarda le gradazioni di colore sia dal punto di vista della texture. L’unico aspetto che del legno continua a restare inimitabile è il calore al tatto… fattore dai più trascurato se si considera che le piastrelle effetto legno sono attualmente tra le più vendute dai produttori di ceramica, certamente in virtù della facile manutenzione del gres e della sua durata.

piastrelle effetto legno fap Nest in essenza Natural

A pavimento, la collezione Nest in essenza Natural – nel formato 20 x 120 cm – e a parete Roma Diamond Calacatta di Fap Ceramiche. www.fapceramiche.com/it/

pavimento in ceramica effetto legno nuance di panariaA pavimento le piastrelle Nuance di Panaria in ceramica effetto legno. www.panaria.it

Il legno in bagno può inoltre essere usato per i mobili, da quelli che integrano il lavabo agli elementi indipendenti, come piccoli armadi, cassettiere o contenitori a giorno. Tendenza prevalente sembra essere quella che propone il legno in versione naturale, con trattamenti superficiali che ne proteggono la superficie (esistono a questo scopo apposite vernici che vengono applicate dai produttori e oli o altri prodotti di manutenzione da passare a casa) e che, nello stesso tempo, ne esaltano le caratteristiche tipiche, come fiammatura e colore.

mobile lavabo naked di Idistudio in quercia naturale

Una semplice struttura in ferro delinea due pratici portasciugamani laterali e sorregge due top a sbalzo in legno massello che coprono i due cassetti a vista, permettendone la facile apertura ed il pratico utilizzo. È Naked di Idistudio, in quercia naturale. Misura L 140 x P 50 x H 75 cm.

 

Il modo più semplice di introdurre nel bagno il calore del legno resta però quello di utilizzarlo per piccoli dettagli, per esempio accessori come portasalviette, quelli portasapone o portaspazzolini da denti o per piccoli complementi, come un pouf. Oppure – sorprendentemente – si può anche provare con un radiatore in legno (in questo caso il legno è abbinato a una speciale tecnologia basata su una piastrella sinterizzata a basso consumo energetico).

Xilo di Hom, radiatore in massello di cedro del Libano. Acceso, emana un piacevole profumo. www.homwarm.com

Xilo di Hom, radiatore in massello di cedro del Libano. Acceso, emana un piacevole profumo. www.homwarm.com

Un altro vantaggio del legno, oltre a quello di scaldare gli interni, bagno compreso, è la sua versatilità per quanto riguarda gli abbinamenti. Sta benissimo con qualsiasi stile e materiale, dando vita a mood diversi. Essenziale se mixato al cemento, diventa elegante con il marmo, vintage unito alle cementine, classico con le piastrelle più tradizionali.

Clicca sulle immagini per vederle full screen