Bagno in stile minimal. Idee da copiare

Una soluzione bagno commentata per chi predilige linee essenziali e moderne.
Fotografo Adriano Pecchio
A cura di Fotografo Adriano Pecchio
Pubblicato il 07/10/2013 Aggiornato il 07/10/2013
Bagno in stile minimal. Idee da copiare

bagno con elementi selezionati per l'arredo

Alcuni consigli per un bagno dall’estetica lineare ed essenziale, in cui gli elementi decorativi sono la geometria delle forme e la semplicità delle linee. Un arredo efficace e funzionale con un’attenzione particolare per l’uso di materiali naturali.

1 – Quale finitura per il parquet in bagno, ad olio o vernice all’acqua?

Entrambi hanno un aspetto molto naturale, ma per il bagno è più adatta la finitura all’acqua perché forma una pellicola protettiva idrorepellente, dura e resistente alle abrasioni. Incolore e priva di solventi tossici, non altera l’aspetto originale del legno.

2 – Pittura o piastrelle alle pareti del bagno?

Le piastrelle vanno sempre bene ma se si opta per una idropittura traspirante applicata con la tecnica della velatura o a straccio, l’ideale per ottenere il caratteristico effetto “naturale”,  il risultato sarà elegante e raffinato. Bisogna però rimanere su toni neutri e un po’ scuri. Le nuance di grigio o tortora sono le più indicate per mettere in risalto il colore di un parquet di essenza chiara.

3 – Metacrilato o vetro per il box doccia?

La lastra di vetro temperato oltre che essere esteticamente piacevole è estremamente sicura. Resiste agli urti, allo shock termico e cosa molto importante, in caso di rottura si frantuma in piccoli frammenti non taglienti. Inoltre, per evitare gli inestetismi della formazione di gocce sulla superficie è possibile richiedere il vetro con specifico trattamento.

4 – Asta con doccetta tradizionale o colonna multifunzionale?

La scelta di una colonna doccia multifunzionale offre molti vantaggi fra questi: getti mirati per un idromassaggio verticale, erogazione a cascata o a pioggia per un’azione energizzante o ancora luci led colorate per rilassarsi con la cromoterapia. Quasi tutti i modelli sono dotati poi di un miscelatore termostatico e di un aeratore che unisce aria al getto d’acqua, riducendo rispettivamente i costi per il funzionamento della caldaia e dell’utilizzo di acqua.

5 – Specchio con cornice o a tutta parete?

Lo specchio a tutta parete è senza dubbio la scelta ideale per piccoli ambienti. Riflette la luce e modificano la percezione visiva dello spazio rendendo l’ambiente più ampio. Usati uno di fronte all’altro creano un effetto “labirinto” molto piacevole, ma attenzione: meglio se limitato a uno spazio con la presenza di una rassicurante luce naturale proveniente da una finestra.

6 – Lavabo d’appoggio o sottopiano?

Il modello sottopiano è una scelta più tradizionale ma di solito ha dimensioni più contenute e lascia quindi più spazio sul top. L’effetto è molto attuale e moderno se il piano viene realizzato in cemento, in lastre di pietra serena o marmo con tonalità scure così da uniformarsi al colore delle pareti.

7 – Applique o faretti ad incasso?

In bagno è fondamentale avere una chiara visibilità, i faretti ad incasso sono ideali perché emettono una luce diffusa e possono illuminare ampie aree. Meglio se di tipo orientabile, in modo da posizionarli correttamente in prossimità degli specchi. Preferire poi una luce fredda, perché ha una resa più brillante ed è perfetta in una ambientazione in stile moderno

Foto di Adriano Pecchio

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!