Al premio di design Red Dot Design Award 2022 quattro riconoscimenti a Ideal Standard

Lo storico premio di design, votato all’eccellenza progettuale e produttiva, seleziona una quaterna di prodotti dell’azienda di bagni.

Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 09/10/2022 Aggiornato il 12/10/2022
redot design award

Sono quattro i riconoscimenti aggiudicatisi da Ideal Standard all’ultima edizione del premio di design Red Dot Design Award, celebre concorso internazionale votato alla ricerca della qualità sia estetica sia funzionale, oltre che innovativa, dei prodotti sul mercato.

miscelatore Ceraplan di Ideal Standard (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

miscelatore Ceraplan di Ideal Standard (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

Nella categoria Product Design l’azienda ha conquistato la palma per tre novità della linea Atelier Collections, nate dalla collaborazione con Ludovica+Roberto Palomba, e per l’innovativo miscelatore ibrido Ceraplan iX, che unisce la flessibilità di utilizzo di un rubinetto monocomando ai vantaggi, sia igienici sia ecologici, di una soluzione touchless. Si tratta di una proposta inusuale per l’ambito residenziale, pensata tuttavia appositamente per portare la tecnologia no-touch anche nelle case e premiata proprio per questo, al fine di ampliare l’attenzione per il risparmio idrico senza perdere in eleganza.

  • rubinetto Joy Neo Atelier Collections (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)
  • rubinetto Joy Neo Atelier Collections di Ideal Standard (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)
  • rubinetto Joy Neo Atelier Collections di Ideal Standard (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

La giuria del premio di design, fondato addirittura nel 1955, ha poi individuato l’eccellenza nella serie di rubinetti Joy Neo, nella famiglia di lavabi (con aggiunta vasca freestanding) Linda-X e nel lavabo Tipo-Z. I primi sono stati premiati per il connubio tra il disegno ispirato al gusto neoclassico e il minimalismo assolutamente contemporaneo, declinato con due diverse maniglie – a croce o lineari – e altrettante finiture (magnetic grey o cromato), ma in un’ampia gamma di modelli.

vasca freestanding Linda-X (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

vasca freestanding Linda-X (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

Linda-X celebra l’omonima serie di sanitari disegnata dal maestro Achille Castiglioni e prodotta per la prima volta nel 1977. Una rilettura basata soprattutto sull’innovazione produttiva, dato che, grazie al materiale Diamatec® con cui sono realizzati i lavabi e la vasca a libera installazione, gli spessori si riducono fino a 3 mmm senza perdere in resistenza e durata, ma che si rivela nel disegno estremamente pulito e armonioso.

lavabo Tipo-Z (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

lavabo Tipo-Z (foto Carlo William Rossi+Fabio Mureddu)

Terzo premio di design invece allo scultoreo lavabo Tipo-Z, dalla presenza monolitica e nel contempo architettonica. Un lavandino leggero, resistente e ultra-sottile, prodotto con tecniche pionieristiche che integrano bacino e colonna in un elemento unico, capace di inserirsi in un bagno contemporaneo così come in un ambiente classico. Una caratteristica quest’ultima, che contraddistingue l’intera ricerca Ideal Standard, come ricorda anche Jan-Peter Tewes, co-amministratore delegato, mirata a “promuovere il processo di creazione unendo tecnologia ad alte prestazioni e design innovativo per consentire la realizzazione di progetti senza tempo”.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!