Migliorare la casa con i consigli di Andrea Castrignano

Usare al meglio gli ambienti della propria casa è diventata un’esigenza ancora più sentita, anche e soprattutto nel periodo del lockdown. Con piccoli e grandi interventi, anche solo di interior design, si può
Giovanna Strino
A cura di Giovanna Strino
Pubblicato il 22/05/2020 Aggiornato il 22/05/2020
Migliorare la casa con i consigli di Andrea Castrignano

L’emergenza sanitaria legata al Coronavirus ha suscitato nuove riflessioni sugli spazi domestici, e alcuni problemi di (stra)ordinaria quotidianità hanno coinvolto migliaia di persone. Per questo migliorare gli ambienti della casa è diventata un’esigenza ancora più sentita, anche perché per moltissimi il lavoro da casa prosegue anche con leprogressive “riaperture” di imprese e attività.

La chiusura forzata dentro i propri spazi domestici, necessariamente imposta dal lockdown nazionale per contrastare la diffusione del Coronavirus, ha stimolato nuove riflessioni sull’opportunità di riorganizzare gli spazi e di migliorare gli ambienti della casa. Complice l’arrivo della bella stagione che sempre suscita questi propositi, in molti si è rafforzato il desiderio di un relooking, una “rinfrescata” delle pareti con nuovi colori o con una nuova tappezzeria. Se siete alla ricerca di idee per rinnovare l’arredamento o di suggerimenti per rendere più comoda e bella la vostra casa, ecco alcuni suggerimenti dell’interior designer Andrea Castrignano.

 

Alcuni consigli di Andrea Castrignano per migliorare gli ambienti della casa

  • Lo smart working
    La modalità del lavoro agile sarà fortemente raccomandata ancora per molto tempo e quasi 8 milioni di italiani hanno capito che da casa si può essere produttivi come in ufficio o in azienda. “È però molto importante ricavare spazi idonei e funzionali per mantenere l’ordine – premette Andrea Castrignano – e facilitare la concentrazione. Un’idea che sto già studiando per i miei prossimi progetti riguarderà la zona living: sarà molto importante ripensare per esempio alla parete libreria che dovrà diventare una zona attrezzata per fungere da office domestico. Nel frattempo, è necessario ricavare un tavolo o una scrivania: la posizione migliore è vicino a una finestra per non stancare troppo la vista, aggiungendo illuminazione con una lampada da tavolo direzionabile. Organizzate i materiali necessari e i documenti in scatole con coperchio che a conclusione del lavoro possano essere riposte, soprattutto se non si possiede una scrivania e si utilizza magari il tavolo da pranzo. Altro dettaglio non secondario è una sedia comoda: spesso le sedie che abbiamo in casa non sono il massimo dell’ergonomia, è sufficiente aggiungere un cuscino morbido a quella della cucina.” Le riunioni virtuali in videoconferenza, o le sessioni di e-learning, sono all’ordine del giorno: “consiglio di trovare un angolo della casa ben illuminato – continua Castrignano – e di posizionarsi con alle spalle un quadro o una libreria: darete di voi un’immagine senz’altro più professionale. Se ad abitare la casa siete in molti, cercate di sistemare un piccolo tavolo nella vostra camera da letto, vi garantirà un po’ di privacy e concentrazione.”

  • Riorganizzare la libreria
    “Questo tema si riallaccia allo smart working” – continua Andrea. “Come dicevo, l’ordine è molto importante perché aumenta il grado di comfort della nostra casa. Ci sono molti criteri per riorganizzare la libreria, il mio preferito è… per colore! Una volta stabiliti i “generi” delle letture, darà un effetto molto divertente sistemare i libri tenendo conto del colore dei dorsi, intervallando le posizioni dei libri per dare un po’ di movimento tra i ripiani. Un’altra cosa che a me piace molto fare è separare le varie categorie con dei quadretti, delle fotografie o delle piccole sculture o semplicemente dei vasi o delle scatole porta oggetti: sarà più facile ritrovare un testo e molto più gradevole l’estetica d’insieme. Attenzione però a suddividere bene gli spazi e a non creare zone troppo vuote o troppo piene, ci vuole equilibrio.” Se la vostra passione è il bricolage, Castrignano ha un suggerimento anche per voi: “Per i più esperti del fai-da-te, se la libreria non ha un fondo o è costituita da una serie di mensole a muro, colorare la parete di un colore a contrasto darà un effetto di grande cambiamento e il contenuto della libreria sarà molto valorizzato.”

  • La zona fitness
    Dopo ore trascorse alla scrivania o anche semplicemente per scaricare un po’ di tensione, è molto importante prendersi cura del proprio benessere facendo esercizio fisico. Gli ultimi sondaggi sugli acquisti online degli italiani in quarantena hanno evidenziato che accessori per la cucina e ingredienti hanno ora lasciato il posto ad attrezzi e strumenti a tema gym. In attesa che riaprano le palestre, se non si ha la fortuna di avere un’area verde a pochi passi da casa, sono sufficienti pochi accorgimenti per ricavare degli angoli per il fitness: “Per potersi prendere cura di sé in casa basta davvero poco – spiega Castrignano. “Per prima cosa occorre creare spazio adeguato valutando quale oggetto è possibile spostare per il tempo necessario: un coffe table, una poltrona o un pouf possono facilmente fare largo a un atleta! Il secondo elemento fondamentale è un tappeto: se ne avete già uno vi aiuterà molto per gli esercizi a terra, altrimenti cercate di recuperarne uno da un’altra stanza. Se fate fitness con un insegnante online o attraverso dei tutorial sarà fondamentale posizionarsi vicino al proprio laptop o tablet: ecco che un tavolino può essere di grande aiuto. Infine, la musica: come sapete io vivo a ritmo di musica che accompagna ogni momento della mia giornata: scegliere il giusto brano ritmato per gli esercizi cardio o una playlist rilassante per i momenti meditativi, vi aiuteranno moltissimo nella concentrazione.”

  • Sistemare gli armadi
    La primavera è ormai ampiamente iniziata, anche se per buona parte l’abbiamo trascorsa in casa. Il cambio di stagione, croce e delizia per molti, può diventare l’occasione per fare ordine negli armadi liberandosi di tutto ciò che è superfluo e occupa inutilmente spazio, quanto mai necessario in questo momento. “Avere una cabina armadio è una grande fortuna perché ci consente di avere tutto a portata di mano senza doverci preoccupare troppo del disordine” – spiega Andrea. “Arriva però il momento dell’anno in cui dobbiamo riorganizzare gli abiti per il cambio di stagione il mio primo consiglio è: svuotarla completamente e iniziare a fare ordine pulendo accuratamente il mobilio e sostituendo la carta protettiva all’interno dei cassetti. Sia che abbiate una cabina armadio o un guardaroba, organizzate i vostri abiti per genere e, ovviamente, per colore: sarà più facile trovarli. Gli accessori come sciarpe, foulard e cinture possono trovare spazio in apposite scatole: sceglietele en nuance con i colori della camera da letto o della tonalità che avete scelto per i cuscini del letto o per le tende, il risultato sarà non solo di ordine, ma anche di grande eleganza!” 

  • La mise en place 
    “Come chi mi segue sa – racconta Castrignano – dopo il design, la mia seconda grande passione è il food: non a caso con “Aiuto! Arrivano gli ospiti…” ho creato il primo format televisivo che li abbina.” L’estetica è di grande importanza anche nel cibo: come i migliori chef sanno bene, l’impiattamento è un dettaglio fondamentale, il primo approccio con un piatto è quello visivo. Per valorizzarlo al meglio è importantissima la mise en place, che si mangi da soli o in compagnia. “Sia per una famiglia, sia per i single, curare il momento del pranzo, o della cena, come fosse un’occasione speciale è fondamentale – spiega Andrea. “Anzitutto dedicate grande attenzione al mondo del tessile: tovaglie e tovaglioli o runner e tovagliette posso essere utilizzati in momenti diversi purché abbinati tra loro in gradazione di colore. Anche la colazione della domenica può essere un bel momento per scandire i giorni della settimana tra le mura domestiche: tovagliette all’americana e stoviglie colorate daranno subito allegria. Usate anche dei cestini di vimini per il pane e per la frutta fresca e sarà quasi un pic-nic! Per la cena, soprattutto di coppia, non dimenticate di apparecchiare come foste al ristorante: la cura della posizione delle posate, un fiore reciso dal vostro balcone come centro tavola e l’immancabile lume di candela creeranno comunque un’atmosfera sofisticata e romantica.

  • Cambiare disposizione a oggetti o mobili 
    Se si è stanchi di vedere sempre lo stesso scenario, cambiare la disposizione degli oggetti o di alcuni mobili è il modo più semplice per dare alla propria casa un aspetto diverso. “Cogliete l’occasione per valutare se gli spazi della vostra abitazione, che vivete anche in momenti della giornata inconsueti, sono ben calibrati e provate a fare alcuni cambiamenti. Capita spesso – racconta Castrignano – che alcuni oggetti o complementi, che da tempo abbiamo collocato in un certo modo, possano apparirci nuovi semplicemente cambiando loro posizione; oppure sperimentando nuove ambientazioni per alcuni oggetti, possiamo scoprire soluzioni più funzionali. piante, quadri, cuscini e piccoli complementi sono naturalmente gli oggetti più idonei per iniziare a fare dei piccoli cambiamenti. Divertitevi a trovare nuove soluzioni tenendo sempre presente l’illuminazione, le proporzioni e, ça va sans dire, i colori… Dopo qualche tentativo potreste stupirvi! Provate a creare un angolo lettura con una poltrona comoda, una lampada da terra o da tavolo, un piccolo tavolino e una pila di libri e riviste ancora da leggere: sarà il vostro rifugio di relax.”

  • Sistemare il balcone o il terrazzo
    Mai come in questo periodo avere un balcone o un terrazzo è una grande fortuna. Un angolo piacevole dove trascorrere qualche ora all’aria aperta, fare colazione e – perché no? – persino lavorare. Renderlo accogliente è la prima regola. “Partiamo da una buona pulizia e magari da una rinfrescata alle pitturazioni – spiega Castrignano – facendo ovviamente attenzione alle colorazioni del condominio! Chi ha una pavimentazione in legno, la nutra e la protegga con un olio impregnante. Pochi arredi possono fare una grande differenza, naturalmente a seconda delle dimensioni dello spazio a disposizione: dal semplice tavolino con delle sedie, al divanetto, sino al lettino per prendere il sole… Anche gli arredi vanno protetti e curati: se non ne avete, provate a spostare un pouf e un coffe table di casa per ricreare un angolo all’esterno per qualche ora. Infine, non si può non pensare al verde e ai fiori: qualche pianta in vasi colorati ci restituisce subito un’atmosfera allegra, di cui tutti abbiamo, mai come ora, bisogno!”

Interni progettati da Andrea Castrignano

  • Foto di Armando Moneta
  • Foto di Armando Moneta
  • Foto di Armando Moneta
  • Foto di Armando Moneta
  • Foto di Armando Moneta
  • Foto di Armando Moneta
  • Foto di Riccardo Gasperoni

Per ripartire con entusiasmo e infondere un po’ di energia alla ripresa del settore legato alle ristrutturazioni, Andrea Castrignano ha sviluppato l’idea di attivare un servizio di consulenze private on demand attraverso cui metterà a disposizione le proprie competenze e la sua pluriennale esperienza nel mondo dell’interior project. Per info: www.andreacastrignano.simplybook.it 

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3.67 / 5, basato su 15 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!