Arredare con materiali naturali. E trasformabili

Mobili in maglia: un'idea eco, che utilizza materiali naturali, biodegradabili, leggeri e facilmente trasformabili. Decorati anche con elementi di recupero, come bottoni o nastri.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 21/02/2014 Aggiornato il 21/02/2014
Arredare con materiali naturali. E trasformabili

Si chiama ULL collection e di sicuro non passa inosservata. È la linea di arredo creata da Beril Cicek, giovane designer turca che, una volta laureatasi presso l’Interior Design & Environmental Design Department della Bilkent University di Ankara, ha pensato di creare una linea d’arredo tutta sua realizzando mobili e oggetti per la casa interamente in maglia: tavoli, sedie, panche, ma anche cassettiere e vere e proprie dispense fatte all’uncinetto, insomma, tutto ciò che può arredare una casa innovativa, unica e sicuramente eco-friendly. Ma non è stata né la laurea né il master conseguito presso la Scuola Politecnica di Design di Milano, città dove ha poi vissuto e lavorato a fianco di un designer italiano, che l’hanno portata a partorire questa idea sostenibile, suggestiva e, senza dubbio, di grande impatto estetico. È stato infatti un viaggio in Islanda a darle l’ispirazione: innamoratasi dei motivi geometrici che si trovano riprodotti sui maglioni, sulle sciarpe e, in generale, sui capi d’abbigliamento indossati dagli islandesi, ha deciso di riproporli sulle proprie “opere d’arte”. I pezzi che compongono la ULL collection, oltre ad essere tutti “pezzi unici” spesso confezionati da Beril stessa, sono realizzati con materiali assolutamente e rigorosamente naturali e biodegradabili. Piedistalli e supporti in legno sono l’ossatura, mentre coperture e “tasche” realizzate a maglia sono quegli elementi essenziali che rendono originali questi arredi. Basti pensare al fatto che, a seconda dei gusti o dei colori scelti per la stanza, i rivestimenti possono essere facilmente rimossi andando così, letteralmente, a “cambiar d’abito” ai mobili che diventano pezzi trasformabili. Parlando poi delle forme e dei dettagli, tutto è ispirato alla natura e all’arte del fai-da-te, e tutto viene concepito nell’ottica del recupero e del riciclo. Ad esempio, vecchi bottoni sono usati come pomelli di apertura dei cassetti e i lacci inutilizzati delle scarpe sono impiegati come fossero nastri decorativi. E non è finita: i materiali impiegati, naturali, sono anche estremamente leggeri così che chiunque debba trasferirsi non dovrà più subire l’incomodo del trasloco.

yunlu-model

toplu,buyuk

yunlukirikayak

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!