Smalti per il legno per rinnovare il vecchio mobile, finestre e porte o la recinzione esterna

Bella stagione, tempo di ferie... Ma anche di lavori di manutenzione domestica! Come verniciare la balaustra in legno o un vecchio mobile.

Casetta in legno trattata con impregnante di Alpina

Gli smalti per il legno permettono di dare nuova vita a mobili e complementi di recupero, ma consentono anche di rendere come nuove porte, finestre o boiserie. Perfetti per rifinire strutture in materiale grezzo. Dopo aver visto i tipi di smalti (a solvente e all’acqua) e gli strumenti da usare per verniciare e vernici per trattare prodotti ad hoc, come caloriferi, elettrodomestici e vasche da bagno. Su un mobile, una porta o una boiserie, danno un colore uniforme, compatto e del tutto coprente, che non lascia trasparire alcuna caratteristica del materiale di partenza.

Come preparare la superficie

Sul legno si possono usare sia smalti a solvente sia ad acqua. Come già detto, i primi sono più coprenti e garantiscono un buon risultato in assenza di preparazioni specifiche. è comunque consigliabile verificare lo stato del supporto, soprattutto se è già stato verniciato.

Quando gli oggetti sono nuovi: Il primo step per preparare la superficie è levigarla, passando della carta vetrata di grana media. Nel caso di fessure o fori indesiderati, pulire e spolverare con uno straccio asciutto, eliminando ogni traccia di polvere. Se il legno è bagnato, è necessario farlo asciugare bene prima di procedere con qualsiasi altro trattamento. Per ottenere un risultato omogeneo, è consigliato applicare preventivamente  due mani di cementite rispettando i tempi riportati sulla confezione e usando il diluente indicato (acqua nel caso di cementite all’acqua, acquaragia o diluente sintetico per quella a solvente).
Si tratta di un fondo bianco gessoso che non soltanto copre uniformemente le tracce di precedenti verniciature, ma aiuta lo smalto ad aggrapparsi al legno in modo uniforme, facilitando il lavoro e rendendo più efficace il risultato finale. Per un intervento ancora più accurato (anche se non indispensabile), conviene passare la cementite, che ha un aspetto ruvido, con carta vetrata a grana fine, procedendo con leggerezza per affinare la levigatura. A questo punto il legno è pronto per essere smaltato.

Se il legno è già dipinto: Per rinnovare un mobile, un infisso o un oggetto già precedentemente verniciato, non è necessario  sverniciarlo con prodotti appositi, perché il nuovo smalto  ha sufficiente potere coprente.Occorre sverniciare solo se si vogliono evitare troppi strati sovrapposti che ispessiscono
la superficie, o nel caso in cui  la vecchia vernice sia molto rovinata e non sia possibile eliminare
le asperità solo con la carta vetrata (sufficiente nella maggior parte dei casi).
Utilizzare un tipo a grana grossa, carteggiando in profondità per eliminare la pellicola superficiale della vecchia vernice. Questa operazione serve anche a migliorare l’ancoraggio del nuovo prodotto.
Poi, pulire e spolverare con uno straccio asciutto. Applicare due mani di cementite, secondo le modalità consigliate, passare della carta vetrata di grana fine e spolverare la superficie. A questo punto il legno è pronto per essere smaltato.

I fondi: Per preparare la superficie prima della verniciatura, oltre alla cementite, sono reperibili anche prodotti che vengono chiamati “fondi per legno”; oppure le vernici coprenti bianche (usate soprattutto per mobili da interno) che si applicano con le stesse modalità.
La verniciatura

Può essere realizzata sia con smalti a solvente sia all’acqua, ma occorre che sia specificato sulla confezione che il prodotto è adatto per il legno. Ricordare che i prodotti per interni possono essere impiegati anche per l’esterno, ma non viceversa. Questi ultimi, infatti, sono di solito più tossici perché più ricchi di sostanze chimiche, necessarie per garantire una resistenza maggiore agli agenti atmosferici.
Leggere attentamente le istruzioni riportate sul barattolo, per capire se il prodotto può essere usato puro oppure diluito. Il diluente varierà a seconda del tipo di smalto prescelto (all’acqua o a solvente).

Agitare il barattolo e, una volta aperto, mescolare con cura e a lungo con una bacchetta larga, fino a ottenere un colore e una densità omogenei. Se le istruzioni lo richiedono, diluire lo smalto. Intingere la punta del pennello e, senza scaricare ai bordi del barattolo, passare sulla superficie da smaltare, solo in un senso (orizzontale o verticale, a seconda delle dimensioni dell’oggetto). Lasciare asciugare la prima mano per il tempo indicato. Se la superficie risulta granulosa per vari motivi (legno mal levigato, bollicine d’aria, ecc.), si può passare leggermente, fino all’eliminazione del difetto, una carta vetrata di grana sottile.
Dare la seconda mano e lasciare asciugare.

Impregnante e antitarlo: sono indispensabili?

Alcuni produttori consigliano l’uso di impregnanti prima di qualsiasi verniciatura, per aumentare la protezione e favorire l’adesione della finitura. In generale, se si opta per un fondo coprente come la cementite, l’impregnante è superfluo. Se invece si applica lo smalto senza alcun fondo, una mano può rivelarsi utile.
Per quanto riguarda l’antitarlo, invece, dipende dalle condizioni del supporto: se si evidenziano piccoli fori,  è indispensabile procedere con un trattamento apposito. Altrimenti si può stendere una mano per precauzione e per assicurarsi un lavoro eseguito in modo ottimale. Ma, soprattutto nel caso di oggetti di poco valore, è un passaggio che si può evitare.

Clicca per vedere full screen

Aqua impregnante per legno Alta Protezione di Alpina colora in trasparenza, garantendo un aspetto naturale e preservando la conservazione nel tempo e ravvivandone la brillantezza. Oltre alla versione incolore, “Aqua” Impregnante per Legno Alta Protezione è disponibile in cinque tonalità: Castagno, Teak, Rovere, Larice, Noce Scuro. Applicazione: pennello e rullo. Prezzo indicativo: confezione 0,75 litri 16,90 euro, da 2,5 litri 39,90 euro. www.alpina-colori.it/

Aqua impregnante per legno Alta Protezione di Alpina colora in trasparenza, garantendo un aspetto naturale e preservando la conservazione nel tempo e ravvivandone la brillantezza. Oltre alla versione incolore, “Aqua” Impregnante per Legno Alta Protezione è disponibile in cinque tonalità: Castagno, Teak, Rovere, Larice, Noce Scuro. Applicazione: pennello e rullo. Prezzo indicativo: confezione 0,75 litri 16,90 euro, da 2,5 litri 39,90 euro. www.alpina-colori.it/

Facile e Veloce di Gapi Paints è lo smalto all’acqua satinato adatto anche per legno e laminato. Disponibile in 120 tinte.

Facile e Veloce di Gapi Paints è lo smalto all’acqua satinato adatto anche per legno e laminato. Disponibile in 120 tinte.

 
Unimarc Impregnante Legno, grazie all’innovativa Controlled Erosion Technology, è una finitura idrodiluibile per esterni ed interni. Non si sfoglia, resiste perfettamente ai raggi UV, proteggendo, ravvivando e valorizzando le tonalità e le venature lignee originarie. Penetra più facilmente nel legno grazie alle resine acriliche/alchidiche all’acqua di nuova generazione e alla sua bassa viscosità, garantendo un’elevata traspirabilità ed elasticità. La confezione 10 litri, prezzo consigliato 158 euro. www.san-marco.com

Unimarc Impregnante Legno, grazie all’innovativa Controlled Erosion Technology, è una finitura idrodiluibile per esterni ed interni. Non si sfoglia, resiste perfettamente ai raggi UV, proteggendo, ravvivando e valorizzando le tonalità e le venature lignee originarie. Penetra più facilmente nel legno grazie alle resine acriliche/alchidiche all’acqua di nuova generazione e alla sua bassa viscosità, garantendo un’elevata traspirabilità ed elasticità. La confezione 10 litri, prezzo consigliato 158 euro. www.san-marco.com

 
Pronto all’uso, lo smalto Imax di Max Meyer con finitura brillante è adatto per legno; una latta da 0,5 l costa 15,90 euro.

Pronto all’uso, lo smalto Imax di Max Meyer con finitura brillante è adatto per legno; una latta da 0,5 l costa 15,90 euro.