Parquet con inserti in bicottura: un riuscito incontro a MadeExpo

Un pavimento che abbina nel rivestimento matericità e note cromatiche differenti: il progetto, nato dalla collaborazione di due marchi veneti, presenta un parquet con inserti in bicottura smaltata lucida, irregolare e dalle tonalità cangianti.

Nato dalla collaborazione tra due marchi leader nei rispettivi settori – entrambe le aziende hanno sede in Veneto, nella provincia di Treviso – viene presentata a Made Expo una nuova collezione di rivestimenti per pavimento o parete che punta sull’effetto decorativo di due materiali accostati tra loro: il legno e il cotto smaltato. Molto diversi uno dall’altro per aspetto, spessori e colori, sono accomunati dall’origine naturale. Il parquet con inserti in bicottura è un progetto di Cadorin (www.cadoringroup.it), specialista nella produzione di rivestimenti in legno, e di Lustri Veneziani (www.lustriveneziani.it), marchio di punta di Industrie Cotto Possagno. Le essenze chiare e le venature del legno, nelle sue diverse sfumature e finiture, vengono valorizzate e accese dall’abbinamento con i colori lucidi del cotto smaltato, in composizioni personalizzate dalle geometrie bene definite, in un inedito collage di materiali che fanno dell’alternanza di lucido e opaco, di chiaro e scuro uno dei loro punti di forza. Il rivestimento può essere utilizzato a terra in tutti gli ambienti della casa, con qualche accortezza nelle zone ad elevato calpestio per evitare di danneggiare lo smalto degli inserti in bicottura.

 lustri veneziani 2

Le mattonelle smaltate utilizzate per il parquet con inserti in bicottura hanno un supporto in cotto, realizzato con purissima argilla, e una smaltatura superficiale eseguita con tecniche artigianali che attingono alla tradizione della ceramica artistica veneta: il colore appare disomogeneo, con sfumature e zone d’ombra, pennellate e motivi che fanno sì che ogni pezzo sia diverso dall’altro, cangiante, in grado di assumere aspetti particolari a seconda della luce. L’irregolarità della superficie – smaltata e cotta per la seconda volta e in alcuni casi ancora poi una perza volta in forno ad alte temperature – costituisce uno dei pregi di questo tipo di bicottura. In tanti diversi formati, dal classico quadrato al rettangolare, dall’esagonale alle tessere di mosaico da 5 x 5 cm, le piastrelle smaltate sono disponibili in una gamma cromatica completa di tonalità calde e fredde, proposte in numerose sfumature che si possono abbinare a piacere per ottenere soluzioni personalizzate.