Pareti da oblique a ortogonali per spazi più fruibili

Riprogettare il disimpegno: pianta del progetto e dei lavori di demolizione e costruzione, che migliorano la divisione zona giorno-zona notte.

Quesito di Barbara F.: Non sono soddisfatta dell’attuale suddivisione dell’appartamento perché penso ci siano spazi inutilizzati; non mi convincono il passaggio fra zona notte e giorno e la divisione tra soggiorno e cucina. Mi piacerebbe quindi un consiglio per: razionalizzare la pianta; creare un filtro fra area notte e living, poi separare meglio quest’ultimo dalla zona cottura.

L’architetto risponde
La soluzione proposta è incentrata sulla riprogettazione del disimpegno che, reso più lineare nella forma, permette di organizzare meglio anche gli ambienti che vi ruotano intorno. Viene inoltre realizzato un guardaroba all’ingresso con funzione di filtro, e un muro basso di fronte alla porta che definisce la zona conversazione.

1 Con il nuovo lay-out si ricava un guardaroba; oltre a essere nella posizione più utile, cioè all’ingresso, crea un filtro visivo rispetto alla zona notte. Cambia forma anche la cucina, che viene ridimensionata.

2 Eliminata la parete diagonale, la parte notte è ora nettamente distinta dal living anche grazie all’inserimento della porta.

3 Di fronte all’ingresso, la nuova quinta in muratura, alta circa 150 cm, ha triplice funzione: definisce una sorta di area di accoglienza, delinea il passaggio verso le camere e circoscrive la zona conversazione.

4 Il salotto è arredato con un ampio divano appoggiato al muretto. Rivolto verso le finestre, gode della migliore luce naturale ed è in posizione ottimale per vedere la tv, posta fra le due aperture. Sui lati più corti ci sono un mobile basso e un sistema attrezzato a tutta altezza.

L’idea in più 
Per sottolineare la funzione divisoria della quinta, un soluzione efficace è dipingerla con una tinta accesa, in forte contrasto con le altre pareti, che invece sono da lasciare in tonalità chiare e omogenee.

 
Tentori-Furnari-dem-costr-3

posta-1-genn