Mostra Piranesi. La fabbrica dell’utopia - Roma

Dedicata al grande incisore e architetto veneziano Giovan Battista Piranesi (1720-1778), figura centrale per la cultura figurativa del Settecento europeo, la mostra presenta più di 200 opere grafiche, ripartite tra la Fondazione Giorgio Cini e le collezioni del Museo di Roma di Palazzo Braschi. Piranesi riscoperse l'archeologia e applicò la matrice vedutistica della propria formazione veneta a una passione immediata per le grandiose rovine di Roma, dove si trasferì nel 1740. La sua vastissima produzione acquafortistica, caratterizzata da visioni prospettiche esasperate dal punto di vista scenografico e da forti effetti luministici, ne fecero uno degli artisti di maggior successo in un mercato artistico in veloce espansione come era quello romano nel periodo culminante del Grand Tour internazionale. Fra le sue opere più celebri sono esposte le grandi Vedute di Roma, i Capricci eseguiti ancora sotto l'influsso di Tiepolo, le visioni della serie delle Carceri fino alle diverse raccolte di antichità romane. L'esposizione, a cura di Luigi Ficacci e Simonetta Tozzi, presenta anche i marmi, oggi conservati nelle collezioni della Sovrintendenza Capitolina, derivanti dalla celebre "Forma Urbis" severiana, la prima pianta di Roma fatta scolpire su pietra da Settimio Severo, che Piranesi tentò di ricostruire nella sua originaria composizione.

Dal 16 giugno 2017 al 15 ottobre 2017
Roma (RM)
Regione: Lazio
Luogo: Museo di Roma Palazzo Braschi, piazza Navona 2, piazza San Pantaleo 10
Telefono: 06/0608; Siti: www.museicapitolini.org; www.museiincomune.it
Orari di apertura: 10-19. Lunedì chiuso
Costo: 9 euro; ridotto 7 euro
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.