Mostra La Flotta perduta di Kubilai Khan. Mostra Fotografica della Spedizione Archeologica - Torino

La spedizione di archeologia subacquea in Giappone, finanziata e sostenuta dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha svelato quello che era considerato uno dei dieci grandi misteri dell'archeologia. La missione archeologica viene raccontata in questa grande mostra. Nel 1281 l’Imperatore della Cina Kubilai Khan, nipote del più noto Gengis, tentò di invadere il Giappone, ma la gigantesca flotta di circa mille imbarcazioni e quarantamila uomini fu fermata da un improvviso e violentissimo tifone che la fece affondare insieme ai suoi sogni di conquista. La terribile tempesta, che venne considerata provvidenziale dai giapponesi, fu appunto ribattezzata kamikaze, il “vento divino”. La spedizione archeologica dell’IRIAE (International Research Institute for Archaeology and  Ethnology) realizzata  in collaborazione con l’ARIUA  (Asian Research Institute for Underwater Archaeology) ha riportato alla luce dopo sette secoli la maestosa flotta agli ordini di Kubilai Kahn nelle acque dell’isola di Takashima, regione del Kyushu, nel sud del Giappone. La Mostra presenta 36 fotografie di grande formato e diversi video, che hanno colto i momenti di scavo subacqueo, di recupero dei materiali e di 'vita' della missione più suggestivi.

Dal 22 ottobre 2016 al 20 novembre 2016
Torino (TO)
Regione: Piemonte
Luogo: MAO Museo d'Arte Orientale, via San Domenico 11
Telefono: 011/4436927; Sito: www.maotorino.it
Orari di apertura: 10-18; sabato e domenica 11-19. Lunedì chiuso
Costo: 10 euro; ridotto 8 euro (compreso l'ingresso al museo)
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.