Da sottotetto a mansarda confortevole e luminosa

Tanta luce, grazie alle numerose aperture nel tetto, e interessanti soluzioni salvaspazio, che sfruttano l'altezza ridotta del sottotetto, rendono confortevole e funzionale la mansarda ricavata in una casa di ringhiera della vecchia Milano.

L’appartamento, a Milano tra piazza Sant’Ambrogio e il parco Solari, è all’ultimo piano di un tipico palazzo di ringhiera milanese. La disposizione planimetrica è caratterizzata da spazi collegati direttamente gli uni con gli altri da aperture squadrate, che ricordano il passato di sottotetto degli ambienti. I numerosi abbaini e lucernari rettangolari accentuano la ritmicità degli spazi illuminando le geometrie semplici del soffitto, in una ripetizione costante della luce.

Lo spazio subito dopo l’ingresso è diviso in due volumi dedicati a zona giorno e illuminati da una finestra a taglio sulla trave di colmo. Nel soggiorno è protagonista l’iconica seduta di design rossa, abbinata a un tavolino rotondo, con doppio piano per aumentare la superficie d’appoggio. A parete, una libreria in legno verniciato grigio disegna con eleganza la parete di fondo, tinteggiata anch’essa di grigio e incorniciata da un profilo bianco di muro in alto e del battiscopa sotto.

Al piano superiore, raggiungibile con una scala a chiocciola in metallo verniciato bianco, un piccolo ma luminosissimo vano con due finestre Velux gemelle è arredato come ministudio, con uno scrittoio antico. Da qui si accede al terrazzo che, prolungamento all’aperto del living con vista panoramica sulla città, completa la geometria dell’appartamento, offrendo un punto di vista riservato e allo stesso tempo proiettato verso la città in espansione verticale.

Scendendo di nuovo al livello dell’appartamento, nella zona pranzo -per ottimizzare lo spazio e inserirvi contenitori poco ingombranti, perfettamente integrati nel volume – sono stati realizzati su disegno dell’architetto a riempimento della pendenza del soffitto degli armadi a misura, con ante a battente nei moduli laterali, e pratici carrelli scorrevoli su ruote nella parte centrale.

In cucina è stata realizzata una penisola con fianco e piano in marmo, nel quale sono stati inseriti il piano di cottura e il lavello. Come nella zona pranzo, anche in cucina le armadiature sfruttano gli spazi bassi sotto lo spiovente

La mansarda prosegue con la zona notte, con pavimento in parquet come nella zona giorno. La camera da letto, semplice ed accogliente, è collegata direttamente all’ampia cabina armadio, che sfrutta il sottotetto con moduli su misura, come le scarpiere con vassoi estraibili in lamiera forata. 

Clicca per vedere full screen le immagini

  • Lounge chair Bertoia Bird rossa di Knoll; libreria su misura con mensole in massello, ancorate direttamente al muro.
  • Libreria in legno naturale verniciato all’acqua, realizzata su disegno dell’architetto. Vasi di Venini.
  • Tavolino tondo Giro’ su ruote di Zanotta, poltrona Bird Chair di Knoll, tappeto in cavallino nero.
  • Al piccolo studio che dà accesso al terrazzo si giunge tramite una scala a chiocciola in metallo verniciato bianco, finitura che dà luminosità all'intero vano scala.
  • L'accesso al terrazzo avviene attraverso un piccolo studio arredato con scrittoio antico. Due finestre per tetti Velux forniscono grande luminosità all'ambiente. Sedia girevole di Alias, lampada Tolomeo di Artemide.
  • Terrazzo arredato con arredi Etnics, acquistati da Ecliss a Milano. Numerose piante in vaso poggiano su pavimento in pietra naturale.
  • Terrazzo arredato con arredi acquistati da Ecliss, Milano.
  • Terrazzo arredato con arredi acquistati da Ecliss, Milano.
  • Come soluzione salvaspazio, nella zona pranzo l’architetto ha voluto inserire, a riempimento della pendenza del soffitto, armadi a misura.
  • Gli armadi che sfruttano la zona bassa sotto lo spiovente hanno pratici carrelli scorrevoli su ruote nella parte centrale.
  • La cucina si concentra in un blocco a penisola con doppia profondità e basi sui due lati. Ospita le funzioni cottura e lavaggio. La cappa aspirante è fissata allo spiovente.
  • La camera da letto è semplice ed accogliente con un caldo pavimento in parquet, come nel resto della casa. Il letto sommier è stato realizzato su misura da un tappezziere; la lampada sul comodino è la One From the Heart di Ingo Maurer.
  • Di fianco al letto, sul comodino, la lampada  One From the Heart di Ingo Maurer.
  • La camera è collegata direttamente all’ampia cabina armadio, nella quale troviamo moduli salvaspazio sotto lo spiovente. Cornice di famiglia.
  • Nella cabina armadio, alcuni moduli sottotetto, progettati dall'architetto e realizzati da falegname, sono attrezzati come scarpiere con vassoi estraibili in lamiera forata.
  • Bagno con rivestimenti in gres porcellanato e lampada a specchio di Pollice illuminazione.

Clicca per vedere full screen i progetti delle soluzioni salvaspazio, realizzate su disegno

 

Progetto: arch. Francesca Cutini – Studiododici, Via Borsieri 30, Milano
Foto: Alvise Silenzi