Cambiare il colore delle ortensie

Le ortensie classiche, rosa o azzurre, possono cambiare il colore dei fiori in base al terreno in cui si trovano. Quindi se le avete acquistate blu e con il tempo sono diventate rosa, la colpa è dell’eccesso di calcare nell’acqua delle irrigazioni. Basta un prodotto azzurrante, per riportarle alla tonalità originale.

Le Ortensie (genere Hydrangea) sono arbusti da fiore molto diffusi, coltivati sia in aiuola sia in vaso, facili da mantenere e molto apprezzati per la bellezza dei loro fiori: abbondanti infiorescenze a corimbo, composte di numerosi fiorellini a quattro petali generalmente di colore rosa, azzurro, malva, violetto o bianco. Negli ultimi anni sono state selezionate varietà con nuove tonalità di colore, screziature e petali dai contorni frastagliati. Le più diffuse rimangono tuttavia le classiche tonalità rosa e azzurro, proprie dei fiori di Hydrangea macrophylla (o H. hortensis), riuniti in grandi infiorescenze globose il cui diametro può raggiungere i 20 cm.

 
Il colore delle ortensie: questione di pH

Così come le azalee e i rododendri, le ortensie sono piante tendenzialmente “acidofile”, che prediligono cioè un terriccio a reazione acida. Il colore delle ortensie è quindi influenzato dal tipo di terreno in cui la pianta viene coltivata: succede, infatti, che varietà caratterizzate da fiori di colore blu-azzurro quando sono coltivate in un terreno neutro o alcalino, e bagnate con acqua calcarea, iniziano a produrre fiori di colore rosa. Un’ortensia acquistata con rosa messa a dimora in un giardino dal suolo acido, si trasforma in un’ortensia a fiori blu.

 
Si può cambiare

Come fare per cambiare il colore delle ortensie? Esistono prodotti appositi (chiamati “azzurranti”) che, somministrati alla pianta, la portano a emettere fiori blu: sono prodotti che contengono solitamente alluminio (sotto forma di solfato di alluminio), ferro (chelato di ferro) e altri microelementi non disponibili nel terreno, da diluire in acqua alle dosi consigliate in etichetta e distribuire nel terreno del vaso nel periodo precedente la fioritura. Se invece volete ortensie rosa, dovete evitare i prodotti azzurranti e utilizzare acqua calcarea per bagnarle.

 
Anche fai-da-te

Un rimedio fai-da-te per cambiare il colore delle ortensie in blu, senza dover ricorrere all’acquisto di prodotti, è quello di procurarsi dei chiodi di ferro, o della limatura di ferro presso un fabbro, da distribuire nel vaso, alla base dell’ortensia. Il ferro rilasciato nel terreno ne modificherà la composizione influenzando il colore delle ortensie, che diventeranno azzurre. Si tratta comunque di una modalità non sempre del tutto efficace poiché poco duratura. In alcuni casi la pianta inizierà a produrre fiorellini di colore variabile, alcuni rosa e altri azzurri, anche sulla stessa infiorescenza; dipende dalle caratteristiche della pianta e dalla sua capacità di assorbire i nutrienti dal terreno.

 
Il concime

La somministrazione di un concime granulare a lenta cessione in primavera, o concimazioni periodiche ripetute ogni 2-3 settimane (in primavera-estate) con un prodotto liquido da diluire nell’innaffiatoio, aiuta ad avere piante forti e rigogliose per tutto il periodo vegetativo.