Acconto Imu e Tasi 2017: oggi la scadenza

Oggi, 16 giugno, è l'ultimo giorno utile per pagare l'acconto dell'Imu e quello della Tasi 2017. Ricapitoliamo brevemente quando si pagano e come.

Scade oggi venerdì 16 giugno il termine per pagare l’acconto dell’Imu e quello della Tasi dovute per il 2017. La prima è l’imposta municipale propria sugli immobili, mentre il secondo è il tributo comunale sui servizi indivisibili quali la manuntenzione delle strade, la pubblica illuminazione, ecc

Dallo scorso anno le regole per l’Imu e per la Tasi si sono fatte sempre più simili. In primo luogo esse non si applicano all’immobile che viene adibito ad abitazione principale tranne che non sia classificato nelle categorie catastali di lusso/pregio quali A1, A8 e A9.  L’Imu e la Tasi si pagano sulle seconde case a prescindere dalla classificazione catastale.

Cambiano però i soggetti tenuti al versamento. Se l’Imu è dovuta dal proprietario dell’immobile, la Tasi invece deve essere pagata anche dal detentore dell’immobile a qualunque titolo, quindi anche da chi vive in affitto. Tuttavia va sempre ricordata l’esenzione prevista per l’abitazione principale: se l’immobile concesso in locazione è adibito dal conduttore ad abitazione principale e non sia di lusso o di pregio, allora questi non paga la sua quota Tasi, compresa tra il 10 e il 30 per cento, a seconda della delibera del Comune. Rimane però sempre in capo al proprietario l’onere di pagare la sua quota tra il 70 e il 90%.

Per pagare gli acconti si possono usare, a scelta del contribuente, i bollettini postali o il modello F24. Il numero di conto corrente per chi sceglie di pagare con bollettino, per l’Imu è  “1008857615”, valido su tutto il territorio nazionale e il bollettino deve essere intestato a “Pagamento Imu”. Per la Tasi invece il numero di bollettino è “1017381649”, anch’esso valido indistintamente per tutti i Comuni

Per chi sceglie di pagare con il modello F24, esso è reperibile on line gratuitamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate. In esso vanno indicati i codici tributo che sono:

per l’Imu:

  • “3912” per l’abitazione principale e relative pertinenze
  • “3913” per fabbricati rurali ad uso strumentale
  • “3914” per i terreni
  • “3916” per le aree fabbricabili
  • “3918” per gli altri fabbricati.

Per la Tasi:

  • “3958” per l’abitazione principale e relative pertinenze
  • “3959” per fabbricati rurali ad uso strumentale
  • “3960” per le aree fabbricabili
  • “3961” per altri fabbricati.

Una volta compilato il modello F24 si può pagare:

  • agli sportelli delle banche o delle poste se l’importo da pagare è pari o inferiore alla somma di 1000 euro
  • on line tramite i servizi di home banking o dal sito dell’Agenzia delle Entrate – F24Web, F24 on line e F24 cumulativo – se il saldo supera i 1000 euro

 

Tags: